SCUOLA. I PROBLEMI SONO GRAVI E DA TUTTI RICONOSCIUTI: PERO’ LA GIUNTA COTA PREFERISCE VIVACCHIARE.

A fronte di una scuola ridotta ai minimi termini non registriamo nessuna azione da parte della Giunta Cota. Si preferisce vivacchiare. E’ importante mantenere tutte le autonomie e i plessi, in particolare nei piccoli Comuni e nelle aree montane, ma con queste poche risorse la conseguenza sarà una inevitabile riduzione del tempo scuola e della qualità dell’offerta formativa. Inoltre, se le nostre scuole non potranno più rinnovare l’appalto con le cooperative per garantire la pulizia e la sorveglianza, questo non comporterà un risparmio, in quanto il risultato sarà solo quello di lasciare senza lavoro 700 persone appartenenti alle fasce più deboli, delle quali dovranno poi farsi carico i servizi sociali.
Per tutte queste ragioni, è indispensabile garantire la certezza delle risorse a favore delle famiglie piemontesi e la stabilità dei servizi erogati dalle istituzioni locali e dagli enti locali.