LETTERA APERTA – FUNERALE DEI MODERATI A PALAZZO NATTA

La triste fine dei moderati

 

 

Ci risiamo, nell’ultimo Consiglio provinciale la Maggioranza traballa e, allora, c’è bisogno di pescare dal Gruppo misto e dall’Udc per dare le stampelle a questa infausta legislatura. Sedici consiglieri (appena) tengono in vita la Giunta Sozzani: il minimo indispensabile per tirare a campare. Siamo stupiti che l’Udc (almeno la sua rappresentante, Giuseppina De Vito) sostenga per iscritto una coalizione del tutto incoerente con la propria linea politica; proprio nel giorno in cui Fratelli d’Italia non vuole metterci la faccia e non firma il documento proposto a sostegno di Sozzani. Proprio nel giorno in cui Forza Italia, in Parlamento, passa all’opposizione.

Infatti, al di là dei toni della Lega, troppo spesso esasperati, dobbiamo oggi considerare che in quest’ Aula non sono certo loro i più estremisti. Oggi celebriamo ufficialmente il funerale dei Moderati! Sozzani è riuscito nell’impresa clamorosa di annullare se stesso in meno di un anno. E’ riuscito a consegnare la Provincia a un partito che guarda solo a interessi privati, altro che Bene comune! E’ riuscito a trasformare Palazzo Natta in un comitato Elettorale! E’ riuscito a diventare berlusconiano, quando dichiarava solo qualche mese fa la sua differenza con chi in Parlamento era stato nominato e non eletto.

Prendiamo atto che Sozzani guarda più a Mantovani (forse anche in virtù dei suoi incarichi in Regione Lombardia) che a Lupi (Ministro ed esponente di spicco del Nuovo Centrodestra). Prendiamo atto che Sozzani e la maggioranza hanno sposato il partito della rabbia (parole di Alfano). Prendiamo atto che Sozzani crede nell’innocenza di un condannato in ultimo grado di giudizio. Che sta con chi vorrebbe far cadere il Governo e mandare il Paese in malora. Sozzani, sappiatelo, cari Fratelli d’Italia, crede che Ruby sia la nipote di Mubarak! Forse lo capirà anche Giuseppina De Vito, che da oggi passa in maggioranza dopo essersi candidata contro Sozzani nelle elezioni del 2009!

Aprite gli occhi!