«Una scelta mirata a tutela di un comparto strategico per il Piemonte e riscoperto dai giovani»

«Il prossimo Governo ascolti gli agricoltori e li tuteli anche in sede europea». Così, la senatrice Elena Ferrara si era espressa durante la campagna elettorale di fronte ai rappresentanti locali del comparto agricolo, nel corso di un evento organizzato a Oleggio assieme a Mino Taricco, già assessore all’Agricoltura in Regione Piemonte. Un impegno che, da parlamentare, Ferrara ha fatto proprio, scegliendo di lavorare nella Commissione “Agricoltura e prodotti agroalimentari”.

«Una scelta motivata dalla forte connessione tra il mio territorio di riferimento e la tradizione agricola», spiega la senatrice novarese. Novara, così come l’intero Nord Est Piemonte, saranno dunque rappresentati in nona Commissione. «Una grande responsabilità – commenta Ferrara – a fronte delle tradizioni di questa fetta importante del Piemonte, nel riso come nel vino; senza dimenticare le tante eccellenze alimentari, gli allevamenti e i prodotti caseari che vanta questa bellissima terra». A Novara insiste anche la Novamont, l’importante azienda italiana leader nelle bioplastiche che dai prodotti agricoli ricava materiale industriale completamente biodegradabile. «Agricoltura – ricorda la senatrice – significa anche innovazione, energia, ricerca e sviluppo. E’ questa la sfida che ci attende e che il territorio saprà cogliere senza rinunciare alle proprie radici e nel rispetto dell’ambiente». In questo senso l’espansione della green economy potrebbe aprire un nuovo mercato. «Questo fenomeno, unito alla riscoperta delle tradizioni e dei sapori locali, sta spingendo molti giovani a scegliere la facoltà di Agraria per il proseguimento degli studi», rileva Elena Ferrara. Le ultime statistiche sull’occupazione giovanile, vedono il comparto agricolo protagonista di una confortante inversione di tendenza, rispetto al preoccupante quadro generale.

«Domani, primo maggio, parteciperò alla Fiera di Oleggio; un evento importante non solo per Oleggio, ma per tutto il settore. Sono coinvolti centinaia di espositori – continua Ferrara – e in città sono attesi decine di migliaia di visitatori, anche da Oltralpe». Un evento per i turisti, attirati dai corner di degustazione dislocati per il comune novarese, ma anche per le associazioni di categoria. «Sono tante le esigenze del comparto; il Pd – conclude la senatrice – ha recentemente promosso un incontro con gli operatori del settore per discutere delle priorità più sentite, come la questione dell’Imu sui fabbricati rurali e il pacchetto di provvedimenti per la sicurezza sul lavoro».