La linea C gratuita? Merito di Musa…

mappa_web3
Il sindaco di Novara e l’amministratore unico della Sun hanno annunciato con una certa enfasi trionfalistica che dal prossimo 23 ottobre saranno introdotte una dozzina di corse gratuite  della linea circolare  C del trasporto pubblico locale gestito da Sun.
Il nuovo servizio va a sostituire la navetta quotidiana attiva dal lunedì al venerdì nel centro cittadino.
La notizia è positiva.
Sappiamo bene infatti che questo tipo di servizio va incontro alle necessità e alle richieste di fasce deboli della popolazione.
Come è ben noto all’azienda comunale di trasporto, infatti, questi servizi domenicali sono utilizzati in larga misura da anziani e soprattutto da  immigrati. Bene quindi, a nostro parere, che l’amministrazione, anche al di là di schematismi ideologici che le sono propri, abbia pensato in modo speciale a questa tipologia di utenti
Canelli e Liuni dimenticano però di collocare questa notizia nel giusto contesto.
Perché omettono di ricordare ai novaresi che la navetta del centro città oggi “trasformata” nella C gratuita della domenica, è un frutto del piano Musa promosso ed attuato dalla amministrazione a guida PD. La proposta della navetta fu inserita nell’offerta presentata da Sun e Parcheggi Italia in sede di gara per rispondere a quella che in quel momento sembrava essere una forte domanda degli utenti, e fu attuata in via sperimentale contestualmente all’avvio della riforma della sosta
Se quindi nel bilancio della Sun esiste oggi una posta che può essere “dirottata” (anche con un significativo risparmio) sulla Circolare domenicale di Canelli, questo, piaccia o no alla giunta di centrodestra, è merito di Musa.
E c’è un altro non irrilevante peccato di omissione del sindaco e del presidente della Sun: ai cittadini va ricordato infatti che qualsiasi iniziativa migliorativa sul fronte del trasporto pubblico locale è oggi possibile perché negli anni della Giunta Ballarè la Sun è stata profondamente risanata e salvata da un fallimento pressoché certo, grazie alla competenza e all’impegno degli amministratori posti a guidare l’azienda e grazie alle scelte politiche dell’amministrazione comunale.
Quindi Canelli non si vanti di questa operazione (di cui attendiamo peraltro di vedere i risultati a fine anno): non è merito suo.
PARTITO DEMOCRATICO
GRUPPO CONSILIARE COMUNE DI NOVARA